Home

Il Porto di Palermo si rifà il look. Nel 2023 avrà un nuovo aspetto. Questo almeno è quanto previsto dal cronoprogramma dei lavori del progetto di riqualificazione finanziato dalla Commissione europea.

Si tratta di un progetto di riqualificazione delle aree limitrofe al Porto, presentato dall’Autorità portuale.

Sarà come un lungomare fronte porto. Con tanto di spazi verdi, terrazze e passerelle. L’opera di complessiva riqualificazione è finanziata dalla Commissione europea e prevede un investimento di 35 milioni.  Il progetto esecutivo è stato finanziato con fondi Cef, Connecting Europe Facility, tra i più ricchi strumenti di finanziamento dell’UE. Un fondo nato per migliorare la competitività industriale, creare crescita economica e lavoro, e migliorare l’accessibilità anche dei paesi periferici.


Leggi anche: INGHILTERRA: Zero morti grazie al vaccino, non accadeva da 6 mesi


L’inizio dei lavori è previsto per il prossimo ottobre, e la loro durata è stimata in 18 mesi. Quindi, salvo intoppi, nel 2023 i palermitani potrebbero avere il loro nuovo lungomare portuale!  

Il progetto di studio Valle 3.0

Il progetto è stato realizzato dallo studio Valle 3.0. L’aerea del porto sarà riqualificata secondo un modello turistico-culturale con spazi ampi e immobili polifunzionali. Uno degli obiettivi più importanti è anche quello di migliorare l’accoglienza per passeggeri e camionisti e per gli operatori portuali. Sono previste anche nuove aree di parcheggio, zone di verde, sovrappassi e passerelle di collegamento con le stazioni di imbarco passeggeri, e sistemi di controllo e varchi di sicurezza.

Il progetto si svilupperà longitudinalmente per circa 400 metri lungo la via Crispi, su una superficie di circa 52mila metri quadrati compresa tra il molo Santa Lucia e il Molo Vittorio Veneto.

Inomma, stando alle premesse, la città di Palermo dovrebbre vedere realizzata in un paio di anni una nuova area polifunzionale, che, oltre a riqualificare la zona portuale della città, offrirà ai cittdini e ai visitatori una bella ottimizzazione di tutti i servizi forniti, incluso quello dell’accoglienza.

Come diventerà il Porto

Ecco il video del rendering del nuovo waterfront progettato dello studio Valle 3.0:

ecco il volto che avrà il Porto di Palermo tra un paio di anni

Sindrome da Hermione: cos’è e come riconoscerla

Oltre al danno la beffa, multa salata per i ristoratori che hanno protestato al Massimo

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata