Home

Università di Palermo – Il Presidente Ersu Palermo Prof. Giuseppe Di Miceli in una lettera indirizzata agli studenti ha voluto dare il suo personale benvenuto per l’Anno Accademico 20/21

La lettera del Presidente Ersu Palermo

Care Studentesse e cari studenti

con l’inizio dell’anno accademico desidero esprimere un caloroso saluto di benvenuto, mio personale e dei componenti del CdA dell’ERSU, a tutti gli studenti universitari delle accademie e dei conservatori della Sicilia occidentale, ed in particolare agli ospiti presso le strutture residenziali universitarie, ai fruitori dei nostri centri di ristorazione, ai prossimi beneficiari delle borse di studio per l’anno accademico 2020/2021.

Quest’anno accademico verrà sicuramente ricordato come un periodo molto particolare a causa dell’emergenza Covid. Siamo tutti preoccupati per le previsioni sulle restrizioni – che forse troppo in fretta si era pensato di potere archiviare – che purtroppo stanno ritornando attuali.


Leggi anche: 50mila € agli Studenti per la Formazione Universitaria e post-universitaria in Italia e all’Estero. Ecco tutte le info


Presidente Ersu: News Residenza Universitarie

A causa dell’emergenza sanitaria, come Ersu, siamo stati costretti a ridurre sensibilmente il numero di posti letto (eliminando momentaneamente le stanze doppie) e anche il servizio di ristorazione, inevitabilmente, ha subìto una rimodulazione in termini di capillarità.

L’invito che desidero rivolgere a tutti gli studenti – considerato che l’Università è proiettata verso una riduzione drastica delle lezioni in presenza – è quello di valutare seriamente la possibilità, compatibilmente con il proprio corso di studi, di seguire momentaneamente a distanza il percorso universitario.

E’ certamente un sacrificio in più, ma che può trasformarsi in una buona pratica e in un concreto contributo – in questa difficile fase storica – alle politiche di distanziamento e alla riduzione del fenomeno pandemico.


Ti potrebbe interessare: Chiara, Giovane Infermiera: “Ad un anno dalla laurea sono fortemente delusa”


Tra non molto – speriamo – si tratterà solo di un brutto ricordo, ma per raggiungere questo obiettivo dobbiamo impegnarci tutti, ciascuno per la propria parte, anche con l’utilizzo dell’app Immuni che può rappresentare un ulteriore contributo per evitare che il virus possa limitare la nostra libertà, il percorso di studi e la nostra vita ancora per lungo tempo.

Vi rinnovo, quindi, i migliori auguri di buono studio e buon anno accademico.


Leggi anche:

Nuovo DPCM: Ecco cosa non si può fare fino al 24 novembre

Deserti i Bandi di assunzione. La rabbia degli Infermieri: “Ecco perchè rinunciamo”

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata