Home

L’Italia metterà al bando l’allevamento e l’uccisione degli animali per ricavarne pellicce, come visoni e volpi. Il divieto entrerà in vigore a partire dal primo gennaio 2022.

L’Italia vieta gli allevamenti di animali per pellicce

Un’importante e attesa vittoria, frutto dell’impegno decennale di tutte le diverse associazioni per la tutela degli animali. Ma l’accelerazione è arrivata nell’ultimo anno, a seguito della diffusione della pandemia da coronavirus anche all’interno degli allevamenti di visoni destinati alla produzione di pellicce. Dopo l’abbattimento di circa 30mila capi a causa del virus, una prima ordinanza ministeriale aveva imposto la sospensione degli allevamenti fino al 31 dicembre 2021.

Ora, invece, la svolta finale che in tanti attendevano: il divieto totale alla riduzione in cattività e all’uccisione di animali per produrre pellicce. Una decisione già presa da una lunga lista di paesi europei.


Leggi anche: Focolaio di Covid-19 in una colonia di visoni: è il secondo caso


Le conseguenze sugli animali

Il divieto permetterà di salvare anche agli oltre settemila visoni presenti oggi negli ultimi 5 allevamenti attivi in tutta Italia, situati tra Lombardia, Emilia Romagna e Abruzzo, trattenuti per scopi di riproduzione. Mentre concederà la possibilità di mantenere gli animali già presenti nelle strutture fino e non oltre il 30 giugno 2022.

La situazione degli allevatori

Agli allevatori invece saranno concessi indennizzi economici in base al numero di animali allevati con un contributo del 30% del fatturato ottenuto durante l’ultimo ciclo produttivo. Inoltre è stato stanziato un contributo a fondo perduto, di massimo 10 mila euro, per le spese di demolizione dei fabbricati per l’allevamento e la produzione di pellicce o per la loro riconversione in attività agricole diverse dall’allevamento.

Save Ralph, il corto per dire STOP ai test cosmetici sugli animali

Coronavirus. “Nasce” all’ Università Catania il primo paziente virtuale per evitare test su animali

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata