Home

Musumeci firmerà nuova Ordinanza. La preoccupazione per il recente aumento dei contagi, soprattutto in provincia di Palermo, Ha portato alla iscrizione di nuove zone rosse in Sicilia e nuove limitazioni.

Il Governo regionale sta studiando una nuova ordinanza che introdurrà particolari restrizioni, questa volta però limitate a piccole porzioni di territorio.

In provincia di Palermo sono già numerosi i Comuni che hanno chiuso scuole e imposto restrizioni. C’è il caso di Corleone, quello di San Giuseppe Jato è quello di Piana degli Albanesi. La regione ha già istituito una zona rossa nelle 4 strutture di Biagio Conte a Palermo ma potrebbe istituita anche in questi paesi dell’entroterra palermitano.


Italia esempio nel contrasto alla pandemia. A dirlo è l’OMS


Qui i sindaci stanno affrontando un’emergenza che nemmeno nel corso del lockdown di marzo era sopraggiunta. Per questo sono in studio nuove ordinanze, nuove aree isolate e forse anche nuove regole comportamentali per contenere la diffusione del Coronavirus.

Il 30 settembre scade l’ordinanza di Musumeci sulla gestione sanitaria. L’ordinanza sarà rinnovata ma sarà contenuta la possibilità, in presenza di alcune condizioni, di attivare zone rosse in modo da circoscrivere la possibilità di movimento di chi risulta contagiato. Il provvedimento non riguarderà interi Comuni con molta probabilità ma quartieri e strade, sopratutto se si parla di grandi centri urbani. Sembrano essere escluse, quindi, ampie zone rosse.


Scempio a Palermo. Deturpata la Cattedrale. Le Foto


La nuova ordinanza, che verrà emessa dopo un confronto con gli altri presidenti di Regione, potrebbe prevedere invece nuove misure comportamentali per cercare di arginare il più possibile la veicolazione del virus.

L’assessore alla Salute Razza intanto manifesta un cauto ottimismo sulle prossime settimane. “Attualmente c’è un problema solo a Palermo, dove contiamo il 60% dei ricoverati. Per il resto il tasso di ospedalizzazione resta basso, sotto controllo. Direi che molto inferiore a quello che si registrava durante i mesi di lockdown. Dunque avanti così. Certo, se la situazione dovesse peggiorare come è accaduto in Francia o Spagna….”.

Tutto in divenire quindi, si vive alla giornata e si spera di scongiurare situaIoni drastiche come quelle vissute nei mesi del lockdown.
Facciamo appello al buonsenso e al senso di responsabilità di tutti nell’adottare comportamenti adeguati a proteggere se stessi e gli altri da un possibile contagio.

Leggi anche:

Affluenza Referendum: In Sicilia il dato più basso d’Italia. E’ Record negativo

In Sicilia arriva la prima Green Bubble Room. Ecco dove dormire in una “bolla” tra la natura e le stelle

Condividi

A proposito dell'autore

Maria Pia Scancarello

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata