Home

Il seminario Stop-Phone affronterà la tematica dell’utilizzo eccessivo e spropositato degli smartphone. Già da ora è possibile prenotarsi al corso online e gratuito, di sabato 5 dicembre alle ore 10. L’associazione palermitana Vivi Sano Onlus è arrivata al suo secondo corso di webinar, dopo quello sul primo soccorso.

Appena si sente una notifica, un beep o una chiamata avviene l’ipnosi nei confronti di questo aggeggio con cui trascorriamo tantissime ore al giorno. Secondo un recente studio del Sole24 gli italiani passano in media 7 ore al giorno sul telefono. Sarebbe all’incirca 1/3 della giornata, non contando le ore di sonno.


Leggi anche: Lo voglio ora! Gli smartphone influenzano le nostre vite


Il messaggio di Vivi Sano Onlus

“Buon pomeriggio, vi segnaliamo un’opportunità. Un seminario gratuito, secondo appuntamento con ‘Vivi Sano Informa’, ciclo di webinar per promuovere salute.
Sabato 5 dicembre, dalle ore 10.00, 90 minuti con gli esperti di Stop Phone – intervento biennale che approccia alla tematica analizzando i rischi psicologici e fisici correlati ad un uso smodato di smartphone e device digitali. Grazie al seminario potrai acquisire conoscenze che ti aiuteranno ad assolvere al ruolo di educatore.

Il seminario Stop-Phone


Registrazione gratuita per i primi mille iscritti su:
https://register.gotowebinar.com/register/4182078649232408847

Al webinar gratuito parteciperanno: Daniele Segreto, Roberto Gambino dell’Asp di Palermo, Claudio Costantino, Francesca Picone, esperta in rischi psicologici, Francesco Pira che si occupa di rischi sul web, Irma Calò di Vivi Sano Onlus, Giovanni Caramazza e Simona Sunseri. Un corso che potrà offrire qualche dritta su un mondo perennemente vicino a noi. Basta solo registrarsi sul link sopracitato.


Leggi anche:

Università. Studentesse denunciano molestie. Il nostro impegno

Palermo: nasce Fuddapp, la nuova compagnia di “food delivery”


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata